h1

Monicelli agli studenti “ribellatevi ai tagli”

4 giugno 2010

Mario Monicelli

Mario Monicelli è un barricadero di 95 anni che non accetta i tagli alla cultura decisi dal governo. Così ieri ha arringato gli studenti dell’Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione «Rossellini» di Roma, invitandoli a ribellarsi. «Spingere con la forza e non tacere. Dovete usare la vostra forza per sovvertire, protestare. Fatelo voi che siete giovani. Io non ho più l’età», ha detto, suscitando l’ovatione della sala dell’Istituto dove si svolgeva la proiezione della Nuova armata Brancaleone, «film» dello stesso Monicelli, scritto insieme a Mimmo Calopresti.

In realtà, il Brancaleone-bis non è un film ma uno scherzo provocatorio composto solo di qualche sequenza con tanto di titoli di testa e coda. Un pretesto per far scorrere, durante la breve proiezione, i titoli programmatici che indicano appunto come non sarà più possibile fare cinema dopo i tagli. «Succederà che questo schermo rimarrà nero, senza immagini, senza parole. Succederà che i lavoratori di domani di cinema e televisione non avranno un futuro. Perché – recitano le didascalie – si sta tagliando il loro presente. Perché si stanno negando i loro diritti di studenti». E ancora: «Succederà che l’unica scuola di cinema e televisione pubblica in Italia perderà materie fondamentali. E succederà anche che non sarà l’unica. Ragionieri, geometri, agrari, educatori, ricercatori tutti nella stessa barca, anzi, tutti parte di una nuova armata Brancaleone».

Il regista ha girato in prima persona il mediometraggio scritto con Mimmo Calopresti, prodotto da Renzo Rossellini e musicato da Stefano Lentini. Il film, si legge nelle note di regia, è uno spaccato dell’Italia di oggi, speranze, illusioni, vizi, virtù e un’ipotesi su un futuro prossimo venturo. Tutto visto dall’occhio di chi l’Italia la capisce bene.

Durante l’incontro, Monicelli ha poi detto che «l’Italia è conosciuta all’estero solo per la sua cultura. Non siamo un Paese che ha avuto grandi generali, grandi personaggi storici, ma solo una forte collocazione culturale. Ed è proprio questa, l’unica cosa che ci viene da tutti riconosciuta all’estero, che si vuole oggi combattere. Il cinema vuol dire tutto. Per il resto c’è la cultura dell’arraffare, di arricchirsi».

Bondi, Ministro dei Beni Culturali

La sparata di Monicelli non è piaciuta al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi. In serata è arrivata la sua replica: «Intellettuali come Monicelli non si rendono conto della gravità e delle conseguenze delle loro parole». Bondi avverte: «Non dovremmo sottovalutare il monito di Giampaolo Pansa quando avverte il montare nuovamente di un clima di odio che in Italia ha già prodotto una lunga stagione di violenza politica».

Anchre le fondazioni si riuniscono in una lobby trasversale che accomuna opposizione e maggioranza, contro i tagli che, secondo i dati della Fondazione Feltrinelli, nel settore cultura arriveranno al 50 per cento, a fronte di tagli in altri settori che non supereranno il 10 per cento. L’assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory lunedì spedirà una lettera-appello a Sandro Bondi, ministro dei Beni Culturali, firmata da lui e da circa 20 fondazioni milanesi di cinema, editoria, da biblioteche e teatri. Tra questi Piccolo Teatro, Feltrinelli, Triennale, Hangar Bicocca e La Scala. La lettera verrà inoltre spedita al ministro dell’Istruzione Gelmini, a Tremonti, ministro dell’Economia e alle commissioni cultura di Camera e Senato.

Per saperne di più…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: