h1

Il Gatto con gli stivali e la sua nuova compagna di avventure

21 giugno 2010

La prima immagine di Kitty e del suo già noto compagno di avventure

Dopo aver annunciato l’uscita dello spin-off Puss in Boots, tutto dedicato allo spagnoleggiante Gatto con gli stivali di Shrek – che uscirà nelle sale statunitensi il 4 novembre 2011, rigorosamente in 3D -, la Dreamworks ci svela quale sarà il “musetto” della compagna di avventure dell’amato felino con la spada. Il suo nome è Kitty, una gattina tutto pepe che nel film in lingua originale verrà doppiata da Salma Hayek e che aiuterà il già noto personaggio di Shrek nel furto dell’Oca dalle uova d’oro. I due saranno aiutati da un altro personaggio inedito: Humpty Dumpty, che verrà doppiato da Zach Galifianakis, un popolare comico statunitense. La voce del Gatto con gli stivali sarà invece colorata ancora una volta dal tono spagnoleggiante di Antonio Banderas. Ecco un’intervista dell’attore nei panni del suo personaggio Puss in Boots:

Mentre il pubblico freme per nuove anticipazioni sullo spill-off, la Dreamworks ha inaugurato il sito ufficiale del film, dove per il momento è disponibile soltanto la trama e la prima immagine dei due protagonisti. In attesa di altre news e dell’uscita del film, non ci resta che guardare l’amato Gatto nelle avventure al fianco del suo amico verde in Shrek – E vissero tutti felici e contenti. Eccolo, con qualche chilo in più, nella scena più esilarante da lui “interpretata” in questo quarto capitolo della saga di Shrek:

Approfondimenti:

h1

Liam Neeson, il nuovo Hannibal dell’A-Team, si racconta

20 giugno 2010

Liam Neeson in una scena del film "Io vi troverò"

Ispirato all’omonima e celeberrima serie cult trasmessa negli anni ’80 e diretto dal regista Joe Carnahan (Smokin’ Aces), A-Team segue le scatenate avventure di un gruppo straordinario di ex soldati delle Forze speciali, che sono stati incastrati per un crimine che non hanno commesso. Dopo essere andati in clandestinità, utilizzano le doti uniche che possiedono per cercare di ristabilire la loro reputazione e trovare il vero colpevole.

A interpretare sul grande schermo il colonnello Hannibal Smith, il leader del gruppo di eroi è l’attore Liam Neeson. Ecco cos’ha detto a Parigi in occasione dell’anteprima europea del film, arrivato ora anche nelle sale italiane.

I protagonisti del nuovo A-Team

Ha mai guardato la serie A-Team in tv?
Sì, la vedevo, anche se devo confessare di non esserne mai stato un grande fan.

Come mai?
Perché effettivamente non apparteneva alla mia generazione, era per un pubblico più giovane. Quando è stata trasmessa in tv ha avuto un grandissimo successo, ma apparteneva già a una generazione successiva alla mia. Per esempio i miei nipoti la seguivano in modo quasi religioso. Come dicevo ha avuto un grande successo e lo ha ancora.

Quali sono le caratteristiche di Hannibal Smith che ti hanno colpito di più e quali ritrovi in te stesso?
Hannibal è un leader, io no. Però devo confessare che mi piace interpretare dei leader. Quello che mi piace di tutti questi personaggi dell’A-Team è che sono dei temerari, non hanno paura di niente, nemmeno di morire. Ognuno di loro darebbe la vita per l’altro.

Secondo te c’è un po’ di follia in tutto questo?
Sì e no. Sono un po’ pazzi, è vero, ma sono addestrati a usare le armi, vengono dalle Forze Speciali, sono dei soldati. E l’aspetto che trovo affascinante è che Hannibal darebbe la vita per questi ragazzi e loro farebbero altrettanto per lui.

Hai già avuto modo di partecipare a un fenomeno di culto come Guerre Stellari, ora invece sei a capo dell’A-Team: com’è stato passare dalla spada laser al sigaro cubano?
(ride) Devo ammettere che con il sigaro è stata piuttosto dura, perché ho smesso di fumare da 16 anni. Invece nel film il mio personaggio deve fumare.

Non avete pensato a un’alternativa?
All’inizio la sceneggiatura prevedeva che Hannibal smettesse di fumare, sai per mandare un messaggio ai ragazzi e indurli a smettere o ridurre il consumo di sigarette. Si era pensato anche a una scena in cui qualcuno passava un accendino al mio personaggio per il suo sigaro e lui avrebbe dovuto rifiutare dicendo di voler smettere, ma alla fine questo aspetto non è stato più sviluppato.

Una vera tentazione, dunque…
Non me ne parlare…

E continui a considerarti un ex fumatore?
Sì, assolutamente.

Infine, se esistesse realmente un’A-Team, pensi di essere abbastanza folle da poterne fare parte?

Magari no, sai… sono solo un attore.

Leggi la recensione di A-Team su Cineblog.it!

I componenti del vecchio A-Team

Mai fidarsi di film con titoli di testa lunghi, supponenti. Pasolini risolveva tutto con un’unica inquadratura, mentre A-Team continua con le credenziali per i primi 20 minuti. Il pubblico, che è ormai televisivo, sa bene che si tratta della tanto attesa (tutto è relativo) versione cinema di un telefilm cult anni ’80 col terzo d’una sporca dozzina, cioè quattro reduci dal Viet (qui dall’Iraq) con George Peppard, qui l’affaticato Liam Neeson, cui spetta di diritto la battuta da ripassare a casa in tutta la sua profondità: «Adoro i piani ben riusciti». Chissà se il film di Carnahan, sconosciuto pupillo di Tom Cruise che ha sceneggiato la terza Mission impossible, può considerarsi riuscito: di sicuro ce la mette tutta con un falso ritmo, il montaggio da spot, spiate e sorprese un tot al chilo, action come nei cartoon e battutacce da Mash, surreali pericoli in confronto ai quali 007 è neo realismo.

Ma è una cine partita tutta truccata, finta, virtuale come vuole la tv che sta cedendo al cinema alcuni dei suoi pupilli, da «Sex and the city» agli imminenti «Baywatch» e «Friends». I quattro reduci umiliati e offesi in tribunale di A-Team fuggono dalla prigione per risolvere l’intrigo internazionale di miliardi di dollari falsi stampati da fedeli di Saddam, le cui preziose matrici passeranno per 118 minuti di mano in mano, da Lynch, ragazzaccio della Cia, a Jessica Biel, soldatessa maschiaccio, l’ex del bellone del gruppo, Bradley Cooper, doppiato come Woody Allen. Virate, scoppi, bombe, elicotteri a pioggia e tradimenti a volontà fino a tornare nel gioco dell’oca televisivo al punto di partenza.

È lo stesso dinamismo che produce noia e ralenti in platea mentre gli innocenti dimostrano la propria integrità anche a conto terzi. Lasciamo il colto confronto televisivo ai fedeli fan di questo gruppo di maschiacci con il sigaro ma senza l’aureola di eroi (gli altri sono Quinton «Rampage» Jackson e Sharlto Copley di «District 9»), uno con problemi di coscienza, figurarsi. Diciamo che l’operazione rumorosa, quasi un cartoon, può conquistare le platee infastidite al solo pensiero di pensare, che sprecano l’adrenalina come alternativa alle frustrazioni quotidiane, mirando virtù che tali non sono e beandosi nel vedere nella battaglia aerea e navale che le spie sono ovunque e tutto il mondo è paese.

Qualche vocina pastosa- sexy-volgare come nella pubblicità dei profumi, Cooper che se la tira da divo e la divertente trovata, con piccola dose di veleno, delle tre dimensioni.

Clicca qui per saperne di più su Liam Neeson e gli A-Team

h1

Jessica Alba: “Guardate che non sono una bambola!”

18 giugno 2010

Jessica Alba posa per la rivista Genlux

Jessica Alba vuole scrollarsi di dosso l’immagine della ragazza con la tutina blu de I Fantastici 4 e ci prova in tutti i modi. Sull’ultimo numero del magazine Genlux appare in foto molto originali il cui messaggio sembra chiaro: “Guardate che non sono una bambola!”. L’attrice, che nonostante tutto in queste foto è molto sexy, ci tiene a uscire dal ruolo dell’attricetta bella e basta. Nonostante la rivista AskMen l’abbia incoronata “la donna più desiderata del pianeta”, lei per contratto si rifiuta di fare scene di nudo: “Non faccio del nudo. Non lo faccio e basta. – ha detto – Forse non sarò scelta per certi ruoli, ma ho troppa ansia”.

Intanto nell’intervista rilasciata a Genlux parla della sua amatissima figlia Honor Marie, di due anni, e confessa che non vorrebbe mai che sua figlia facesse l’attrice. “Io ho fatto questa scelta perché non ne avevo altre: ho iniziato da giovanissima e poi ho proseguito. I miei figli cresceranno in maniera diversa, avranno molte più opportunità, soprattutto per quanto riguarda lo studio, e una sicurezza economica che io certo non avevo”.

L'attrice protesta: "Non sono una bambola"!

In una recente intervista al Mirror infatti l’attrice aveva dichiarato: “Quando avevo circa otto anni mio padre lasciò l’esercito e andammo a vivere a Los Angeles. Ero totalmente diversa dagli altri bambini. Abbiamo vissuto in un appartamento piccolissimo ed i miei genitori dovettero iniziare a lavorare da McDonald’s. All’inizio mio padre doveva accompagnarmi e camminare insieme a me a scuola perchè non venissi disturbata. Non pranzavo insieme alle altre bambine. Inoltre ho origini messicane, i miei genitori non avevano soldi e non ho mai avuto capi di abbigliamento o un buon pranzo”. Insomma una storia da libro cuore! Però, certo, di strada ne ha fatta e questo vuol dire che non è solo una bambola!

Jessica Alba è un’attrice bellissima che ci riserva anche tante sorprese in fatto di look, se suoi outfit easywear possono regalare spunti per il nostro look, lo stesso non possiamo dire per le occasioni in cui vuole essere alternativa e indossa abiti e scarpe che ci lasciano un tantino perplesse. Qualche giorno fa Jessica Alba è stata fotografata all’uscita di casa sua con un look che definire stravagante risulterebbe riduttivo, una maglietta con reggiseno a cono, simil Jean Paul Gaultier, del designer Christopher Kane e degli ankle boots di Christian Louboutin.

La Alba detta legge anche in fatto di moda

Considerando la maglietta-camicia scelta da Jessica Alba, le scarpe, per quanto stravaganti, sembrano quasi normali, quando invece sono creazioni dal design bizzarro ed esagerato ad opera di Christian Louboutin.

Questo look Jessica alba lo indossa per partecipare al Jimmy Kimmel Live, forse vuole apparire stravagante, e quindi opta per questa camicia molto strana con reggiseno a cono, decorazioni con strass e corsetto con cope in satin a scacchi che abbina ad una gonna a pieghe nere, tutto dalla collezione primavera estate 2010 di Christopher Kane.

Le scarpe sono abbinate alla perfezione all’abito e sono degli ankle boots in suedè nero firmate Christian Louboutin, presentano un tacco vertiginoso, un alto plateau e nella parte anteriore hanno una “scollatura” che dalla caviglia arriva sinuosamente quasi vicino alle dita, Louboutin riesce a creare calzature sexy anche quando non vuole!

Il sito Comingsoon.net ha diffuso una clip dal film The Killer Inside Me, thriller di Michael Winterbottom basato sull’omonimo romanzo dello statunitense Jim Thompson e interpretato, tra gli altri, da Casey Affleck, Jessica Alba, Kate Hudson, John Goodman e Elias Koteas. Il film racconta la storia di Lou Ford (Affleck), vicesceriffo di una piccola città del Texas, uomo dalla vita apparentemente normale e tranquilla. Ha una bella casa e una moglie fedele (Hudson) ma la sua vera natura di sessuomane e omicida violento emerge con prepotenza quando si imbatte, per lavoro, in una bellissima e sensuale prostituta (Alba). In questa clip conosciamo da vicino proprio Lou Ford. Dateci un’occhiata e fateci sapere cosa ne pensate:

Tutte le news e le foto su Jessica Alba!

h1

Bagno di folla per Kristen Stewart e Taylor Lautner, a Roma per presentare Eclipse

18 giugno 2010

Kristen Stewart e Taylor Lautner sul red carpet a Roma

Sono arrivati a Roma i due protagonisti della saga di vampiri e licantropi più amata al mondo e hanno avuto il loro bagno di folla. Infatti, erano oltre 2500 i fan di Twilight che sono accorsi da tutta Italia e hanno atteso per ore Kristen Stewart (Bella Swan) e Taylor Lautner (Jacob Black), che finalmente sono arrivati sul red carpet a salutare il loro pubblico e a firmare qualche autografo. Ecco il video dei twilighters in attesa e dell’arrivo dei protagonisti della Saga di Twilight:

Entrambi gli attori si sono presentati elegantissimi: Taylor con un completo grigio classico, mentre Kristen con un particolare abitino nero che lasciava una spalla scoperta e una vistosa applicazione floreale sulla destra. Dopo aver terminato il bagno di folla sul red carpet, i due sono stati accompagnati all’interno dell’auditorium e il loro ingresso nell’edificio ha segnato l’inizio della proiezione dei 15 minuti inediti di Eclipse per i fortunati fan presenti in sala, che sono riusciti ad aggiudicarsi gli ambiti biglietti.

Una inaspettata sopresa per i fan è stato il video-saluto di Robert Pattinson, che è stato accolto con un vero e proprio boato, nel quale diceva di essere dispiaciuto di non poter essere presente e che la sua assenza era dovuta al lavoro sul set del suo nuovo film, Water for Elephants. Chiudendo il suo intervento ha detto che verrà in Italia per presentare il prossimo capitolo della Saga, Breaking Dawn, e ha salutato tutti con un “Ciao” che ha generato il delirio dei Twilighters presenti.

«Eclipse è il mio film preferito», ha affermato Taylor, «E devo dire che la mia scena preferita è in assoluto quella della tenda, dove Jacob fa ingelosire Edward. C’è molta tensione ma è anche divertente. Credo che quando tutto finirà sarà molto triste e strano. Ma guardiamo il lato positivo, ci sono ancora due film da girare». I Twilighter italiani? I più rumorosi del mondo!, BestMovie.it

I protagonisti parlano anche del bacio che i loro personaggi si scambiano in Eclipse, raccontando le loro sensazioni al momento di girare quella scena:

«È stato strano – s’imbarazza Jacob-Taylor: nel momento clou c’erano intorno a noi tante persone e telecamere che giravano e ci riprendevano…». Ma Kristen-Bella spiega: «Non si è trattato di un bacio preparato, un momento cui ci si è arrivati lentamente: no, tutto avviene in un secondo e per Bella è così scioccante». Quindi stavolta il triangolo amoroso si concretizza? «In realtà no – aggiunge l’attrice -perché alla fine Bella è sempre accecata dall’amore per Edward».«Twilight», i vampiri sono a Roma, Claudia Voltattorni, Il Corriere della Sera.it

Non ci resta che attendere l’uscita di Eclipse, che sarà nelle sale il 30 giugno. Quindi affrettatevi a comprare i biglietti!

Approfondimenti:

h1

Cameron, single in bikini: “L’amore eterno non esiste”

16 giugno 2010

Una splendida Cameron Diaz in bikini

Nonostante abbia 38 anni e da molto tempo sia single, Cameron Diaz non sembra preoccupata: “Non so cosa mi succederà in futuro, ma per il momento non penso né al matrimonio né ai figli e fortunatamente non ho l’ansia dell’orologio biologico che ticchetta. Eppure amo i bambini e mi occupo volentieri di quelli delle mie amiche”

In un’intervista al magazine Tu Style l’attrice confessa: “Credo invece che l’amore delle favole, quello che dura una vita intera sia un’illusione. Ma magari cambierò idea anche su questo, chissà. D’altra parte i miei genitori sono stati insieme per ben quarant’anni!. Per ora il mio obiettivo è semplicemente essere felice e coltivare dei rapporti umani costruttivi, intensi e sinceri. Sì – conclude – l’importante è avere delle belle persone su cui poter contare, e non fa niente se sono due o dieci”.

Cameron con "l'amico" Tom Cruise

In effetti lei adora stare con la sua amica Drew Barrymore, è molto vicina a Tom Cruise (con cui ha appena girato Innocenti bugie), e ama andare spesso in vacanza con la famiglia o gli amici. Dopo la separazione da Justin Timberlake, che ha da poco ritrovato sul set di Bad Teacher, non c’è stato nessun fidanzato ufficiale (solo un flirt…), ma lei ha saputo prendersi cura di sé e della sua carriera. E basta darle una spiaggia e un bikini e si sente una regina.

Essere una zia non l’ha preparata alla futura maternità. Cameron Diaz non è sicura di voler avere dei pargoli, perché i figli ti regalano gioie, ma pure un mare di responsabilità. Cameron adora i nipoti e le piace trascorrere del tempo con loro, ma questo non vuol dire che sia pronta a fare la mamma. “Puoi essere una buona zia, ma non significa che sarai un buon genitore, non è la stessa cosa – ha confessato la bionda ad America’s InStyleAvere dei figli ti cambia drasticamente la vita. Io amo la mia esistenza, così non so se desidero cambiarla. Bisogna ponderare bene, potrebbe essere un errore totale”.

Eterna Peter Pan, la Diaz non parla del suo rapporto con l’ex di Kate Hudson: “Non è giusto rispondere a domande che coinvolgono altre persone”. Massima privacy, ma chissà cosa penserà Rodriguez, sua nuova fiamma, dicono, delle esternazioni sulla famiglia di Cameron…

L'attrice con il presunto flirt, Rodriguez

Tutto su Cameron Diaz!

h1

The Tourist: prima immagine ufficiale del film con i bellissimi Johnny e Angelina

15 giugno 2010

Ecco la prima foto ufficiale di The Tourist scattata a Venezia

E’ stata pubblicata da Empire la prima foto ufficiale che ritrae i due bellissimi di Hollywood, Johnny Depp e Angelina Jolie, in un’immagine del film The Tourist, che uscirà nelle sale Usa il 16 febbraio 2011. La pellicola, diretta da Florian Henckel von Donnersmarck (Le vite degli altri), è il remake del film Anthony Zimmer (2005), scritto e diretto da Jérôme Salle e interpretato da Sophie Marceau e Yvan Attal. Il thriller racconta la storia di un’agente dell’Interpol (Angelina Jolie) che si serve di un turista americano (Johnny Depp) in vacanza a Venezia, per incastrare un criminale con cui lei aveva avuto una relazione.

The Tourist accoglie nel suo cast anche alcuni attori nostrani: come Christian De Sica, che interpreta il commissario di polizia che arresta il personaggio di Johnny Depp. De Sica afferma a proposito del suo collega hollywoodiano:

«Abbiamo una lunga scena insieme. Abbiamo legato subito, ci siamo andati a prendere un caffè. Alla fine mi ha ringraziato. […] Non vive come una star di Hollywood. Sarà che è sposato con una francese, vive a Aix en Provence, ma è molto simile a noi come mentalità. Abbiamo parlato tanto anche della famiglia…» The Tourista, parla Christian De Sica, VivaCinema.it

Nino Frassica e Johnny Depp nella foto pubblicata da Yahoo!Cinema

Ma oltre all’attore dei più gettonati film di Natale, compare anche Raoul Bova – chiamato dal produttore Graham King per la parte di un signore elegante che sarà protagonista di un incontro fugace con Elise (Angelina Jolie) – e Nino Frassica, che compare nei panni di un carabiniere che darà del filo da torcere alla fuga di Frank Taylor (Johnny Depp).

Per il momento non è ancora disponibile la locandina ufficiale e tantomento il trailer del film. Dovremo attendere e gustarci queste foto rubate dal set blindatissimo a Venezia.

o

o

o

o

o

Approfondimenti:

h1

Megan Fox pistolera nel west è più sexy che mai

15 giugno 2010

Dai robot al west, Megan Fox non perde il suo sex appeal. La bellissima di Transformers sta arrivando sugli schermi Usa armata di corsetto e pistola nel western Jonah Hex. In una delle scene più “calde” è appesa ad una corda, con gonna strappata, calze a mezza gamba e forme strizzate, accanto ad un Josh Broslin alquanto compiaciuto. Nella nuova pellicola, che arriva nei cinema Usa il 18 giugno e in Italia l’1 ottobre, la Fox interpreta Leila, la ragazza per cui perde la testa il protagonista Jonah Rex (Josh Brolin).

Jonah Hex, brutale cacciatore di taglie ricercato in tutto il Far West, viene contattato dall’esercito americano che eliminerà il suo conto aperto con la giustizia se riuscirà a fermare il fuorilegge Quentin Turnbull. La ghiotta opportunità di riscatto gli faranno accettare l’incarico senza esitazione, e si avvarrà dell’aiuto dell’affacinante “pistolera” mora.

Megan Fox sarà una pistolera

Il film è diretto da Jimmy Hayward, e nel cast c’è anche John Malkovich. Vedremo se Megan sarà all’altezza dei suoi illustri colleghi. Mickey Rourke, che recentemente ha girato con lei Passion Play, ha elogiato le sue qualità artistiche: “Non sapevo molto di lei, tranne quello che avevo letto. La sorpresa maggiore è stata constatare che quella ragazza dalla bellezza ineguagliabile era anche forse la migliore giovane attrice con cui abbia lavorato”. Detto da un veterano di Hollywood come lui….

Manca poco all’uscita americana di Jonah Hex, l’adattamento dell’eroe dei fumetti Dc Comics interpretato da Josh Brolin e Megan Fox. In un’intervista a Comic-Book Resources, l’attore John Malkovich ha parlato del suo personaggio: il villain Quentin Turnbull. Ecco i punti più interessanti dell’intervista:

Ti hanno inviato dei fumetti mentre stavi decidendo (o quando hai firmato per il film)?
Si, li ho visti un paio di tempo prima. il regista Jimmy Hayward realizzò dei modelli di questi che mi mostrò a Los Angeles.

Molta gente non ha familiarità con il tuo personaggio. Puoi parlarcene?
Turnbull è il proprietario di piantagioni del Sud ed è veramente ricco e potente. Sente che Jonah ha causato la morte del figlio in un certo senso, quindi c’è una sorta di vendetta. Turnbull comanda anche un gruppo di una specie di predoni, ex soldati sostenitori degli Stati Confederati. Alla fine crede di sovvertire il governo…Il mio personaggio non è del tutto invischiato con il soprannaturale. Forse un pochino. Ad un certo punto della storia, Hex ha questo tipo di aberrazioni, ed io appaio brevemente come una di queste.

Interpretando il villain, la tua performance come attore è più contenuta o più vivace?
Beh, non so, ho passato le ultime due notti ad urlare, quindi non so quanto possa esser contenuta.

Il film è ispirato ai fumetti della Comics

Diretto da Jimmy Hayward (regista di Ortone e il Mondo dei Chi), il film è stato scritto da Mark Neveldine e Brian Taylor. Nel cast del film, oltre a Josh Brolin e Megan Fox, anche i villain interpretati da John Malkovich e Michael Fassbender.

Articoli correlati…