Posts Tagged ‘3D’

h1

Voglio la partita in 3D, vado al cinema

2 giugno 2010

Il trionfo degli azzurri!

Finora il calcio al cinema l’avevamo visto immortalato nella commedia all’italiana, in film cult come “Eccezzziunale veramente” e “L’allenatore nel pallone”. O in pellicole piu’ impegnate come “Febbre a 90°”, “Best” e “Maradona, la mano de Dios”. Ora, invece, in sala si andrà con sciarpa e cappellino. Dopo lo stadio, il bar, e le partite a casa, una nuova era sembra iniziata. Un’era di pace tra calcio e cinema , da sempre ritenuti svaghi antitetici. Da sempre frutto di litigi di coppia nelle scelte sul cosa fare la sera. 

Dopo l’esordio delle proiezioni 3D in Italia con la finale di Coppa Italia, Roma-Inter, trasmessa in nove sale il 5 maggio scorso, ora sul grande schermo approda la manifestazione sportiva più amata dagli italiani. Grazie ad un accordo tra The Space Cinema e la Fifa, si potranno vedere in diretta 12 partite dei Mondiali del Sudafrica. Si parte con Italia-Slovacchia il 24 giugno, poi Brasile-Portogallo, tre ottavi di finale, tre quarti di finale, le due semifinali, la finale terzo e quarto posto oltre che la finalissima dell’11 di luglio.

”Stiamo valutando la possibilità di offrire anche ulteriori partite nella fase eliminatoria”, commenta il direttore generale di The Space Cinema, Giovanni Canepa. E’ in corso una trattativa anche sulla proiezione della gara inaugurale tra Sudafrica e Messico. La Fifa ha affidato alla Sony le riprese in 3D in 5 stadi dei 10 in cui si giocheranno le partite, dove sono state istallate sette coppie di telecamere. Venti in totale le gare che saranno trasmesse via satellite con questa tecnologia, che unisce l’alta definizione alla profondità della ripresa stereoscopica.

Ci sono anche dei limiti, emersi nella proiezione d’esordio. Le riprese sono un pò monotone, niente zoom e pochi primopiano. Sul replay, poi, le limitate angolature di ripresa impediscono di valutare al meglio falli e fuorigioco. Le gare saranno trasmesse in venti sale sparse su tutto il territorio nazionale, secondo i limiti massimi di diffusione imposti dalla Fifa. Probabilmente saranno interessate due sale a Roma e due a Milano, poi una sala in quasi tutte le altre grandi città.

Anche il tennis sbarca al cinema con il 3D

‘Vogliamo trasformare lo schermo cinematografico – spiega Canepa – a seconda degli eventi in palcoscenico teatrale, orchestra, palco musicale o, come nel caso dei mondiali sudafricani, nel più tecnologico e realistico stadio di calcio virtuale”. I biglietti costeranno da 10 a 15 euro a seconda delle partite e si potranno comprare al botteghino, sul web e tramite call center. 

La tendenza avviata dal calcio sembra contagiare anche gli altri sport. Domenica prossima toccherà al tennis fare il suo esordio al cinema in 3D. Una multisala milanese del circuito Uci Cinemas trasmetterà, in diretta da Parigi, la finale del singolare maschile del Roland Garros. I biglietti costeranno 15 euro.

ECCO LE SALE DOVE VEDERE LE PARTITE IN 3D:

Sono venti le sale italiane che trasmetteranno in 3D dodici gare dei Mondiali di calcio in Sudafrica, grazie all’accordo tra The Space Cinema e Fifa. Due sono a Roma, due a Milano, poi una nei principali centri di quasi tutte le regioni. I prezzi varieranno da 10 a 15 euro a secondo dalla partita e si potranno acquistare al botteghino, sul web o tramite call center.

Ecco le città nelle quali saranno proiettate le partite: Milano; Roma; Napoli; Bari; Torino; Belpasso (Catania); Bologna; Corciano (Perugia); Lamezia Terme (Catanzaro); Livorno; Lugagnano Di Sona (Verona); Montesilvano (Pescara); Nola (Napoli); Parma; Quartucciu (Cagliari); Salerno; Surbo (Le); Torri Di Quartesolo (Vicenza).

I cinema interessati utilizzano tutti la tecnologia fornita da Real D. L’impianto per la proiezione di immagini in formato digitale è costituito da un proiettore digitale, con uno schermo ”silver screen”. La tecnologia prevede una proiezione avente una frequenza di 144 Hz (corrispondente a 144 frame al secondo): in questo modo, alternando un fotogramma per l’occhio sinistro ad uno per il destro, si avrà un totale di 72 fotogrammi per occhio al secondo. Nel corso del 2010 questo processo di digitalizzazione crescerà sempre di più e vedrà nei prossimi due anni il raggiungimento di 100 sale sul territorio nazionale.

Quest'anno le partite si guardano al cinema! In 3D!

Che ora è? È ora di fare il tifo per l’Italia ai Mondiali di Calcio di Sudafrica 2010. Tra pochi giorni comincia la sfida: dall’11 giugno scenderanno in campo le squadre che si contendono la Coppa del Mondo. In occasione dei Mondiali di Calcio A-Style lancia quattro nuovi modelli di orologi dedicati ad altrettante Nazionali. Non poteva mancare l’orologio con i colori dell’Italia: il tricolore decora il cinturino dell’orologio! Ci sono poi quello del Brasile, giallo e verde, quello dell’Inghilterra, decorato con la bandiera Union Flag, e quello degli Stati Uniti, con la bandiera a stelle e strisce.

Gli orologi A-Style dedicati a Sudafrica 2010 sono prodotti in edizione limitata. Sono realizzati in morbido silicone con cassa integrata nel cinturino. Gli orologi costano 49 euro ciascuno. Stai contando i minuti che ci separano dai Mondiali di calcio? Su Mypage trovi il countdown! E naturalmente FORZA AZZURRI!!!

Gli orologi A-Style con i colori delle varie nazionali

Tutto sui Mondiali di calcio in Sudafrica 2010!

Annunci
h1

Tecnologia 3D: dal cinema alla televisione, fino ai pc. Sarà questo il futuro?

31 maggio 2010

I primi esperimenti di cinema 3D risalgono agli anni Cinquanta

Nelle sale ormai spopolano le rappresentazioni 3D: dai concerti (come quello di U2 3D, uscito lo scorso 26 aprile), ai film d’animazione (il prossimo ad uscire è Toy Story 3), fino ai film come Avatar e Alice in Wonderland. Roger Ebert, il critico cinematografico del Chicago Sun-Times, Premio Pulitzer, ha pubblicato un editoriale su Newsweek per dire la sua riguardo alla tecnologia 3D. Nel suo articolo, Why I Hate 3-D (And You Should Too), ovvero Perchè odio il 3D (E perchè lo dovreste fare anche voi), Ebert riassume in nove punti le sue perplessità su questa innovazione:

  1. Il Premio Pulizer Roger Ebert

    SI SPRECA UNA DIMENSIONE: La mente usa già il principio della prospettiva per strutturare la terza dimensione. Aggiungerne una artificialmente peggiora l’illusione della stessa mente

  2. NON AGGIUNGE NULLA ALL’ESPERIENZA: Le esperienze cinematografiche più coinvolgenti fino ad ora non sono state in 3D.
  3. PUO’ RAPPRESENTARE UNA DISTRAZIONE: Il regista con il 3D è privato di un prezioso strumento, quello della messa a fuoco per dividere tra primo piano e sfono l’immagine e attirare l’attenzione su un determinato particolare.
  4. PUO’ CREARE NAUSEA E MAL DI TESTA: il 3D produce un’esperienza visuale non famigliare e questo può creare problemi come nausea e mal di testa.
  5. I FILM 3D SONO MENO LUMINOSI: questo perchè molte sale cinematografiche non hanno ancora le tecnologie adatte, ovvero quella IMAX.
  6. STANNO SPECULANDO SULLA VENDITA DEI NUOVI PROIETTORI DIGITALI: alcuni studios non distribuiscono alle sale la versione 2D del film se queste non ne trasmettono una versione in tre dimensioni.
  7. GLI ESERCENTI AUMENTANO IL PREZZO DEI BIGLIETTI DI 5/7.5 DOLLARI: spesso sono i bambini a dire ai genitori di voler vedere i film in 3D, influenzati dalla pubblicità. Quindi questa tecnologia è una sorta di estorsione per questi genitori che decidono di accontentare i loro figli.
  8. NON RIESCO A IMMAGINARE UN FILM DRAMMATICO, COME THE HURT LOCKER O TRA LE NUVOLE, IN 3D: Il 3D sembra riservato ai film per bambini, l’animazione, o i film come Avatar di James Cameron, realizzato principalmente con i computer.
  9. OGNI VOLTA CHE HOLLYOOD SI E’ SENTITA MINACCIATA, SI E’ RIVOLTA ALLA TECNOLOGIA: IL SUONO, IL COLORE, IL WIDESCREEN, IL CINERAMA, IL 3D, IL SUONO STEREO, E ORA DI NUOVO IL 3D: Offrire un’esperienza irripetibile è stato sempre un obiettivo del cinema, ma le Tv 3D riavvicineranno cinema e casa.

A dare invece una visione positiva e una risposta alle critiche di Roger Ebert è Jeffrey Katzenberg, un produttore cinematografico statunitense che negli anni ottanta ha risollevato il reparto animazione della Disney e che oggi è co-fondatore con Steven Spielberg e David Geffen della casa di produzione DreamWorks. Il produttore, ospite in un programma televisivo statunitense, ha affermato:

«Il 3D migliora i grandi realizzatori e narratori, consentendo loro di immergerti in una storia, in maniera da aumentare le sensazioni e le emozioni che il regista crea nel suo racconto, perché è questo che fa la grande narrazione. Ti mette sulla sedia del protagonista, facendoti sentire minacciato. Se qualcuno rincorre Julia Roberts con una picozza, sei spaventato come lo è lei. […] Ora, dagli un nuovo strumento, che è quello che dà vita a questo mondo coinvolgente, in cui può mettere il pubblico al centro, e le cose diventano ancora più affascinanti». Jeffrey Katzenberg esalta il 3D, BadTaste.it

Jeffrey Katzenberg è il co-fondatore della Dreamworks

Ma ormai questa tecnologia ha invaso anche le nostre case e sentiamo sempre più spesso parlare di televisori che permettono una visione in 3D. Secondo Giovanni Toletti, project manager dell’Osservatorio new media e Tv del Politecnico di Milano, è ancora presto per i telespettatori acquistare un televisore di questo tipo:

«In effetti è un po’ presto per fare previsioni e noi stessi dell’Osservatorio stiamo raccogliendo dati e informazioni per impostare una ricerca ad hoc che uscirà quest’anno. Quello che posso dire è che è un po’ presto per acquistare una Tv 3D, almenoché non si sia appassionati e addetti ai lavori». Mi metto il 3D in salotto, Agnese Ananasso, Repubblica.it

Come afferma Toletti, ciò è dovuto al fatto che «Per la massima resa del 3D servono contenuti in 3D e non ce ne sono ancora: occorre aspettare i Mondiali di calcio. Infatti grazie a un accordo con Sony la Fifa trasmetterà 25 partite in 3D. Per farlo Sony metterà a disposizione dei cameraman delle videocamere professionali per effettuare riprese in 3D». Mentre parlando di quale possa essere il futuro dopo la televisione 3D, il project manager afferma: «Si parla già di Tv olografica, forse tra 4-5 anni. Sembra azzardato, come sembrava azzardato nel 2006 parlare della commercializzazione della Tv 3D nell’arco di 4-5 anni. Eppure eccola qui».

Samsung, Panasonic e Sony parlano già di ecosistema della tecnologia a tre dimensioni e intendono il fatto che per la riproduzione di film e giochi 3D, il televisore rimane l’apparecchio principale ma attorno a questo giocano una parte fondamentale i lettori Blu-ray e le console di gioco, i sistemi di home cinema, i prodotti video digitali (macchine fotografiche e camcorder) e i personal computer. Pare quindi che ben presto anche la domanda di pc con capacità tridimensionali è destinata ad aumentare. Come scrive Gianni Rusconi su Il Sole 24 Ore:

La tecnologia tridimensionale, in buona sostanza, si avvia a diventare in tempi relativamente brevi una caratteristica standard nella dotazione di desktop e notebook, anche se non tutte le macchine con a bordo un’unità grafica compatibile saranno a tutti gli effetti in grado di riprodurre immagini in tre dimensioni. Per farlo dovranno essere equipaggiati con monitor particolari ed essere utilizzati in combinazione con gli immancabili occhialini. Computer 3D: fra quattro anni il boom, Gianni Rusconi, Il Sole 24 Ore

Insomma, sembra che dovremmo abituarci ai pro e ai contro di questa nuova tecnologia 3D, che pare ci accompagnerà nei prossimi anni, contaminando anche i nostri televisori e i nostri personal computer.

Approfondimenti:

h1

Tinto Brass e Dario Argento annunciano il 3D

15 maggio 2010

Arrivano due film in 3D da parte di due registi italiani – come dice il daily di Variety al Festival Cannes – tra i più esportabili all’estero. A scendere in campo saranno infatti il re dell’horror, Dario Argento, e quello del porno d’autore, Tinto Brass.

Dario Argento, re dell’horror, sta scrivendo, infatti, la sceneggiatura di un adattamento del ‘Dracula’ di Bram Stoker da girare in Ungheria.  Sul fatto che il film sia effettivamente in 3D non vi è certezza, dal blog di blog Vita di un IO, di Gabriele Farina sembra che Dario Argento intervisato non sia in buoni rapporti con i produttori:

    Io: Dario, ma il progetto di cui ci hai parlato adesso è il Dracula 3D che è stato annunciato ieri?

    Argento: chi l’ha annunciato?

    Io: mah… l’ho letto praticamente su tutte le riviste online di cinema.

    Argento: (sorrisino)

    Io: no, davvero… è quello?

    Argento: no… quello è solo un’idea che mi è stata proposta ma non c’è proprio nulla…

Mentre Tinto Brass, appena uscito dalla convalescenza per una emorragia cerebrale, girerà a ottobre in 3D ‘Who Killed Caligula?’ che in molti l’hanno già ribattezzato ‘Chiavatar’. Sarà il primo film del genere in 3d al mondo”. Entusiasta afferma: “Se un’attrice avvicina una mano alla telecamera hai la sensazione che la infili sotto i tuoi pantaloni. Esperienza magnifica”.

Il regista veneziano non vuole ancora parlare della società che curerà tecnicamente la realizzazione del film, nè ha ancora scelto i protagonisti (almeno così dice). Parla volentieri, invece, dell’effetto che la nuova tecnologia avrà sul pubblico. “E’ strepitosa – dice -. Ho visto delle scene e devo dire che affinare la sensorialità porta ad affinare la sensualità”.

“Riprendo il mio vecchio progetto del film sull’imperatore di Roma che mi fu scippato dagli americani e ne faccio un nuovo film. Le riprese dovrebbero iniziare tra maggio e giugno e racconterò la parte finale della vita di Caligola, la sua follia per la morte dell’amata sorella Drusilla, la decisione di far prostituire le mogli dei senatori per finanziare le casse dell’impero. Ci sarà poi un gruppo di senatori che cercherà di mettere al potere lo zio scemo Claudio e Messalina. Il film del ’79 che gli americani mi scipparono, finendolo e montandolo loro, parlava dell’orgia del potere. Questo parlerà del potere dell’orgia…”.

Per sapere le ultime news su Dario Argento potete visitare la sua pagina personale: http://www.darioargento.it/index1.html

I film, le news, le interviste a Tinto Brass sono raccolte in:
http://www.tintobrass.to/home.htm

h1

Ancora The Ring e in 3D

27 aprile 2010

Torna Samara...in 3D!

La saga di The Ring sta per tornare sui nostri schermi, con un terzo capitolo che la Paramount Pictures ha affidato allo sceneggiatore David Loucka (Dream House). Nessuna sorpresa da nessun punto di vista: il nuovo film si propone di “reinventare il franchise” (leggasi “reboot”?), sarà più “orientato al pubblico di teenager” e soprattutto verrà girato in 3D. La ripresa del lucrativo marchio arriva dopo un incasso globale di oltre 300 milioni di dollari dei primi due episodi americani, cioè The Ring del 2002 e The Ring Two del 2005, entrambi con Naomi Watts, che però non pare al momento della partita.

h1

James Cameron illustra gli altri Avatar

21 aprile 2010

James Cameron, in un’intervista al Los Angeles Times, ha fatto due importanti anticipazioni sul futuro di Avatar. La prima riguarda i sequel: nel secondo e nel terzo capitolo della trilogia, ci si concentrerà rispettivamente sul mondo degli oceani di Pandora e sull’esplorazione del sistema solare di Alpha Centauri. Il primo Avatar avrà inoltre una riedizione, arricchita di 7 minuti con nuovi effetti visivi, che riapparirà nelle sale ad agosto, perché a detta di Cameron l’uscita a breve distanza di Alice, Dragon Trainer e Scontro tra Titani ha frenato anzitempo l’infinita corsa al botteghino del film nelle sale attrezzate per il 3D. La riedizione con i 7 minuti sarà quella che prenderà vita nel set di quattro dischi (dvd e Blu-ray) che uscirà a novembre.

h1

Jack Sparrow sbarca in 3D

17 aprile 2010

Manca pochissimo all’inizio delle riprese, ambientate alle Hawaii, del quarto capitolo di Pirati dei Caraibi, ovvero Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides e finalmente sembra fatta chiarezza sul destino stereoscopico del film. Secondo il sito Blue Sky Disney infatti Disney avrebbe deciso di girare la maggior parte della pellicola direttamente in 3D. Il resto del film sarà realizzato in normale 2D e poi riconvertito in post-produzione in 3D. Annunciato come uno dei film più attesi della stagione estiva 2011 il film prende spunto dal romanzo Mari Stregati di Tim Powers ed è prodotto ancora una volta dal guru Jerry Bruckheimer e dalla Walt Disney Pictures, e scritto da Ted Elliot e Terry Rossio. Presente nel cast il personaggio simbolo di tutta la saga Johnny Depp, nei panni dello stralunato capitano Jack Sparrow. Grandi assenti Keira Knightley e Orlando Bloom, che sarà rimpiazzato, secondo E-Online, da Max Irons (figlio di Jeremy Irons) o Sam Claflin (ora in ballottaggio). Tornano invece sul set Geoffrey Rush (Barbossa) e Ian McShane (Barbanera), mentre attesa new entry è Penelope Cruz (figlia di Barbanera).

h1

Il 3D anche per Scorsese

14 aprile 2010

La terza dimensione sembra aver fatto breccia anche nel cuore di Martin Scorsese. Il grande regista, che già qualche mese fa aveva ammesso il suo interesse per il nuovo formato, sembra infatti deciso a cimentarsi nell’impresa in prima persona. L’occasione, secondo quanto riportato da The Playlist, è data dall’adattamento del romanzo per bambini di Brian Selznick, Hugo Cabret (in Italia edito da Mondadori con il titolo La straordinaria invenzione di Hugo Cabret), che sarà affidato alla penna di John Logan (The Aviator, Sweeney Todd).

La storia è ambientata nel 1931 e segue le vicende di un orfanello che vive nascosto tra le mura di una stazione parigina, compiendo furtarelli e tentando di riparare un vecchio robot sopravvissuto all’incendio del museo nel quale suo padre ha perso la vita. Scorsese ha già delineato il cast chiamando all’appello Sacha Baron Cohen, per il ruolo dell’ispettore ferroviario, Ben Kingsley, nei panni del silenzioso regista George Méliès (che avrà un ruolo cruciale nel film), Asa Butterfield e Chloe Moretz per due ruoli protagonisti.Per la gioia di Jeffrey Katzenberg e James Cameron (che nei giorni scorsi hanno espresso i loro pareri negativi sul processo di riconversione da 2D a 3D) sembra che il regista sia intenzionato a girare direttamente in 3D piuttosto che optare per una riconversione dal 2D. Le riprese sono previste per il prossimo giugno, mentre il film dovrebbe essere in sala per il 9 dicembre 2011.