Posts Tagged ‘Quentin Tarantino’

h1

I vincitori degli IOMA

10 maggio 2010

Tarantino vincitore agli Ioma

Gli utenti italiani di Internet hanno votato come miglior film dell’anno per gli Italian Online Movie Awards Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Bastardi senza gloria di Tarantino ha ricevuto tutti i premi più importanti: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale, miglior montaggio e miglior attore non protagonista (Christoph Waltz).

Il cast di Bastardi Senza Gloria

Shutter Island, uno dei film favoriti in sede di nomination, si aggiudica invece il premio per il miglior attore (Leonardo Di Caprio) e quello per la miglior sceneggiatura non originale. Avatar, il film che ha dominato il 2010, si deve accontentare di 2 premi: miglior fotografia e gli immancabili effetti speciali.

Le interpretazioni femminili dell’anno sono quelle di Carey Mulligan e Julianne Moore, rispettivamente miglior attrice protagonista per An Education e miglior attrice non protagonista per A Single Man. Grande successo per Up, il film della Pixar: oltre a essere decretato miglior film d’animazione, porta a casa anche il premio per la miglior colonna sonora.

Grande successo per Up

Infine, il cinema nostrano: è Paolo Virzì a conquistare il premio per il miglior film italiano, con La prima cosa bella. Altro meritato riconoscimento a La doppia ora di Giuseppe Capotondi: il film è stato votato dalle migliori redazioni di cinema online (annuale premio collaterale degli IOMA) come Miglior Opera Prima.

Ecco un video che raccoglie alcuni dei principali film facenti parte della stagione Ioma 2010 (nella quale rientrano tutte le pellicole uscite nelle sale italiane dal 01/03/2009 al 31/03/2010):

Annunci
h1

David: trionfano “L’uomo che verrà” e “Vincere”

9 maggio 2010

Marco Bellocchio, regista di Vincere

Otto premi per Vincere di Bellocchio ma il miglior film è L’uomo che verrà di Giorgio Diritti. Sono questi, a sorpresa, i vincitori della 54esima edizione dei David di Donatello, gli Oscar del cinema italiano.

Il film di Diritti ha conquistato il premio più importante, oltre a quello per il miglior produttore e fonico di presa diretta, ma la pellicola di Bellocchio ne ha vinti di più, premi tecnici, come scenografia, montaggio, trucco e costumi e quello prestigioso per la miglior regia. A sorpresa sconfitto La prima cosa bella di  Paolo Virzì che correva per 18 statuette e se ne è aggiudicate solo tre. Valerio Mastandrea e Micaela Ramazzotti hanno conquistato il David come miglior attore e miglior attrice per La prima cosa bella di Virzì che ha ottenuto il premio anche per la miglior sceneggiatura. Come migliori attori e attrici non protagonisti, trionfo per Mine Vaganti con Ennio Fantastichini che ha avuto la meglio su Pier Francesco Favino, Marco Giallini, Marco Messeri e il cast di Baarìa e con Ilaria Occhini che ha vinto su Anita Kravos, Claudia Pandolfi, presente alla cerimonia dopo il brutto incidente, Elena Sofia Ricci, Alba Rohrwacher.

Giorgio Diritti, autore de L'uomo che Verrà

La serata presentata da Tullio Solenghi si è aperta con le lettura da parte di Stefania Sandrelli di un documento di protesta dei Centoautori contro la disattenzione del governo nei confronti del cinema e la mancanza di soldi. “Non chiediamo elemosine, siamo qui per difendere il diritto degli spettatori di scegliere anche il cinema italiano. Siamo qui per dirvi che non rinunceremo a fare i nostri film. Oggi è la nostra festa. Dunque che la festa cominci”.

David giovani, votato da oltre 6000 ragazzi delle scuole superiori di tutta Italia, è andato a Baarìa di Giuseppe Tornatore, che ha vinto anche per il miglior musicista Ennio Morricone. Il concerto di Radu Mihaileanu ha conquistato il premio come miglior film dell’Unione Europea e come miglior film straniero ha vinto Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino.  Durante la serata sono stati consegnati quattro David Speciali allo sceneggiatore Tonino Guerra, alla regista Lina Wertmuller e agli attori Bud Spencer e Terence Hill (clicca qui sotto per vedere il video della consegna dei premi).

E, a proposito di Terence Hill, riporto un appello dell’attore, trovato su Google.it:

Derubato: appello di Terence Hill

“Restituitemi le foto, non i soldi”

“Restituitemi la foto, i soldi non mi interessano”. E’ l’appello lanciato dall’attore Terence Hill derubato del portafoglio venerdì a Roma, qualche ora prima delal premiazione dei David. L’attore veneziano vorrebbe infatti rientrare in possesso di alcuni ricordi, dal valore affettivo “inestimabile”: si tratta di foto e lettere scritte dal figlio, Ross, morto in un incidente stradale nel 1990.“Avevo il portafoglio nella tasca interna della giacca – ha raccontato agli amici come riporta Il Messaggero non mi sono accorto di niente, è’ incredibile, non riesco a spiegarmi come possano aver fatto”. Terence Hill aveva parlato del furto anche venerdì pomeriggio alla premiazione dei David spiegando di essere stato derubato mentre faceva shopping nel centro della Capitale. Ma a tormentare Terence Hill non è tanto il danno economico quanto quello affettivo.

h1

Quentin Tarantino presidente di giuria a Venezia 67

6 maggio 2010

"Taranta" giudice a Venezia

Signore e signori vi segnalo una notizia che mi tocca particolarmente: una notizia che riguarda il grande regista Quentin Tarantino, soggetto principale della mia tesi di laurea nonchè geniale e pazzo personaggio dello star system. Sarà proprio lui, Quenty Tarantola, a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che si terrà dal 1° all’11 settembre 2010. La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta, accogliendo la proposta del Direttore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, Marco Müller. Tarantino è stato il “padrino” tanto della retrospettiva Italian Kings of the B’s (alla Mostra di Venezia 2004, primo segmento del progetto sulla Storia segreta del cinema italiano), come di quella sui western all’italiana (alla Mostra 2007), e ha quindi da anni uno stretto legame con il Festival presieduto da Marco Müller. Grande Quentin, sei tutti noi! Per saperne di più visita il sito www.comingsoon.it e guarda le foto di Quentin Tarantino su www.tarantinoitalia.altervista.org.

h1

Rutger Hauer è un vagabondo col fucile

19 aprile 2010

Mentre Machete ha finalmente una data d’uscita, prevista per il 3 settembre (negli Stati Uniti il weekend del Labor Day), un altro dei finti trailer legati all’operazione Grindhouse si prepara ad essere gonfiato fino a diventare un vero e proprio film. Si tratta di Hobo with a Shotgun, il trailer realizzato dal giovane Jason Eisener, vincitore di un concorso indetto dagli stessi Tarantino e Rodriguez in collaborazione con il SXSW. Eisener, che all’epoca lavorava in un negozio di fumetti e che da allora ha realizzato un corto intitolato Treevenge, avrà quindi la possibilità di espandere la storia di un vagabondo che, stanco del marcio che lo circonda, si trasforma in un violentissimo e spietato giustiziere. E nel ruolo del protagonista, che nel corto originale era di tale David Brunt ci sarà Rutger Hauer, che proprio da oggi è sul set del film ad Halifax, Nuova Scozia, città natale del neo-regista.